Il virus della polemica

Negli scorsi giorni il sito Emergenza Cultura ha ospitato il contributo (discutibile, a partire dal titolo) di una collega che raccontava, con accenti polemici, la propria esperienza di smart working in questa fase di emergenza sanitaria. L’articolo ha scatenato un acceso dibattito in rete, a cui hanno preso parte molti funzionari del MiBACT, ma anche docenti universitari, Senatori della Repubblica e Sindacati. La nostra stessa Associazione ha pacatamente ma fermamente espresso la propria posizione nei commenti al post su facebook, sottolineando la necessità di evitare, in questa fase, polemiche sterili su questioni tecniche squisitamente interne al Ministero, spronando tutti ad ampliare lo sguardo verso quanti, archeologi e non, continuano a lavorare mettendo spesso a repentaglio la propria salute e la propria vita o hanno perso il posto a causa della crisi. Del resto, API ha avuto modo già nelle scorse settimane di segnalare a più riprese le gravi criticità legate alle circolari applicative dei decreti governativi emergenziali, richiamando i dirigenti centrali e periferici alle proprie responsabilità (qui, qui e qui).

Progressivamente il “dibattito” ha preso toni ed espressioni che appaiono non commisurati al tema e alla situazione, fuori luogo e finanche lesivi della dignità del personale del Ministero. In buona sostanza, i tanti colleghi che hanno manifestato posizioni non in linea con quelle dell’articolo di Emergenza Cultura, sono stati tacciati da una Senatrice della Repubblica del più bieco servilismo nei confronti del Ministro: “pronti a baciare al passaggio suo e della sua corte” o addirittura “lombrichi che si aggrovigliano … nel tascapane del pescatore”.

Stupiti e sdegnati, rigettiamo in toto tali offese, nelle quali riecheggiano pessime abitudini della politica italiana. Riteniamo doveroso ribadire la nostra posizione a sostegno dei professionisti archeologi operanti direttamente sul campo, e più in generale di chi è costretto a recarsi fuori casa per il lavoro o a rischio di perdita del proprio posto, e rivendichiamo fieramente la nostra posizione, che è costantemente stata di critica spesso dura, ma sempre costruttiva, all’organizzazione del Ministero e alle posizioni dei Ministri che si sono succeduti in questi anni.

Chiediamo dunque a tutti di abbassare i toni di questa polemica di cui, in questo momento, nessuno sentiva il bisogno. Per rispetto ad un Paese alle prese con una crisi senza precedenti e di quanti hanno perso la propria personale battaglia contro la malattia.

Scrivania di polvere
Jimmy Durham, Petrified Forest. Photo by Pierluigi Giroldini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...